Quante volte hai detto questa frase in vita tua?

Secondo me potrebbero essere almeno 10, in alcuni casi almeno 100.

Dai, vieni qui.

Facciamo una cosa nuova, insieme: vediamo come abbattere le 5 scuse migliori con cui hai congelato fino ad oggi la tua possibilità di cambiare.

Ecco la top 5 delle scuse migliori con cui si supporta la frase “Non mi alleno perchè non ho tempo”:

    1. Ho un lavoro troppo impegnativo. 
    2. Ho una famiglia da accudire. 
    3. La palestra è fuori mano . 
    4. Non ho 2 ore al giorno tutte per me. 
    5. Ho un bimbo piccolo.

Analizziamole una alla volta e scopriamo insieme perchè non rappresentano un vero ostacolo.

 

1 – “Non mi alleno perchè …ho un lavoro troppo impegnativo”

Troppo. Troppo rispetto a cosa?

Credi che esistano lavori non impegnativi?

Ma soprattutto, impegnativo non è forse un termine relativo a chi lo usa?

Immagino che se nomino Richard Branson (il magnate noto per il multibrand Virgin) tu sia d’accordo che ha “2 o 3 cosine di cui occuparsi”.

Beh, mi spiace deludere le tue fantasie…ma lui si allena ogni giorno e per farlo si sveglia all’alba, “no matter what!” 🙂

 

Richard Branson durante un workout.

 

Di fatto, le statistiche dimostrano che il 90% delle persone molto impegnate lavorativamente e ritenute “persone di successo” ha una metodica cura della propria salute e si allena con regolarità.

Sono persone che usano lo stesso paradigma in TUTTI gli ambiti della loro vita: studiano un piano, lo trascrivono, lo rispettano. FINE!

Rivaluta la tua convinzione legata al lavoro.

È possibile che tu debba capire in realtà cosa ti permette di usarlo come scusa.

Se hai l’abitudine di organizzare la tua vita professionale, trasferiscila anche alla tua vita personale.
Questo articolo ti sarà di grande aiuto.

 

2 – “Non mi alleno perchè …ho una famiglia da accudire”

La famiglia, citata e pluricitata come entità astratta, is the new carcere: con tutte le colpe che le vengono assegnate, ci credo che sposarsi e fare figli è visto da alcuni come una galera.

Ascoltare certi racconti non invoglia, semmai atterrisce.

Ma esattamente, cos’è una famiglia? Una piccola comunità nella quale si condividono affetti, mansioni, regole esplicite e/o implicite, spazi e abitudini.

Chi sono i membri della tua famiglia?

Hai con loro un dialogo esplicito e costruttivo?

Hai mai chiesto di fare una chiacchierata di gruppo per parlare della spartizione dei compiti?

Il fatto che la tua famiglia comprenda anche bimbi piccoli, non la rende un organismo problematico, a meno che tu non la percepisca come tale.

Fino ai 2 anni i cuccioli hanno una indipendenza ristrettissima, ma non appena iniziano ad imitare i grandi alcune cose cambiano: più cresceranno più si sentiranno importanti, se chiedi loro di collaborare.
Non aspettarti dei soldatini integerrimi, ma sappi che saranno felici di dare un contributo perché per loro è gioco ogni azione!

Ad esempio, hai mai pensato di coinvolgere i tuoi bimbi nei tuoi allenamenti? Sai che si divertiranno più di te?

Certo, potranno esserci alcune interruzioni, a volte tantissime, ma FATTO E’ MEGLIO DI PERFETTO!

Mi è capitato e mi capita tuttora di allenarmi spesso con il mio bimbo. Gioele lo adora e a volte devo convincerlo a smettere, mentre io ne esco allenatissima, persino più del previsto 😉

Ho creato apposta per questo una sezione sul mio blog, e anche dei video che ti potranno interessare: NEW #1 Post Partum e NEW #2 Post Partum, potrai allenarti con il tuo piccolo o nella pausa breve che ricavi mentre lui fa un sonnellino.

Io e il mio cucciolo ci alleniamo insieme.

 

Chiediti che modello familiare hai dentro di te.

È quello della tua famiglia di origine?

Corrisponde ai tuoi valori?

Avere anche spazio per sé è indispensabile e non ti rende una madre o partner peggiore.

Semmai, ti rende una persona più equilibrata, forte e appagata, quindi una risorsa più solida per tutta la tua famiglia.

 

3 – “Non mi alleno perchè …la palestra è fuori mano”

Occhei.

Ammettiamo che la palestra più vicina a casa tua o al luogo di lavoro sia comunque lontana, che questo implichi del tempo morto per l’andata e per il ritorno, e che aggiungere questo al tempo da calcolare per l’allenamento è proprio improponibile.

Perché pensi che ci si possa allenare solo in palestra?

Hai mai sentito parlare dell’home fitness?

Lo sai che esiste la possibilità di avere ottimi risultati anche con routine di allenamento che prevedono l’utilizzo dell’esclusivo corpo libero? Esatto! Il tuo corpo è la tua palestra e solo con quello puoi già fare tantissimo!

Il side plank, un noto e molto efficace esercizio a corpo libero.

 

Valuta la possibilità di seguire un programma di allenamento “home fitness”, ovvero da svolgere a casa. L’utilizzo di elastici e pesi, oltre all’eventuale uso di fitball e trx, ti darà dei sistemi efficacissimi di sovraccarico, I risultati non avranno nulla da invidiare a quelli che potresti ottenere frequentando una palestra.

Se non mi credi puoi dare un’occhiata a queste testimonianze, se cerchi nei tag vedrai che oltre il 70% di queste persone si allena a casa, e ha avuto grandissimi benefici.

 

4 – “Non mi alleno perchè …non ho 2 ore al giorno tutte per me”

Dimmi, cosa ti fa pensare che siano necessarie due ore, per giunta tutti i giorni, per allenarti in modo efficace?

Qual è la fonte autorevole che ti racconta una cosa del genere?

Hai per caso raggiunto questa conclusione in modo autonomo? Ovvero, stai supponendo che tutti i corpi scolpiti e ben nutriti che invidi derivino da quel tipo di impegno?

Potresti sbagliare, e di parecchio!

Sono diversi anni che gli studi di fisiologia indirizzati all’analisi dei risultati di allenamento hanno dimostrato l’efficacia degli allenamenti brevi e intensi.
È vero, il concetto di breve è sempre relativo, quindi cerchiamo di dargli dei contorni obiettivi.

Il concetto di “breve” riguarda sessioni tra i 20 e i 30 minuti.

Un allenamento ritenuto mediamente breve arriva a 50 minuti, un allenamento standard tra i 60 e gli 80 minuti, dopodiché tutto quello che resta rientra nella categoria degli allenamenti lunghi.

Gli studi dimostrano che gli allenamenti brevi ed intensi sono molto più efficaci per dare risultati sostenibili, rientrare nella routine quotidiana delle persone e creare delle aspettative motivanti.

Non è difficile da capire!

Immagina di dover pensare all’allenamento che dovrai svolgere come una routine infinita che ti impegnerà due ore.

Fatto?

Ora Immagina invece di guardare la tua agenda e vedere che di lì a breve dovrai svolgere un allenamento di mezz’ora, dopodiché avrai fatto il tuo dovere e provato a sensazioni vitalizzanti.

Fatto?

In quale dei 2 casi cominci da subito a sentirti meglio? … Ecco, appunto 😀

Ti bastano 20-30 minuti, 3-4 volte la settimana, per ottenere risultati significativi e sostenibili. Se non mi credi, fai un esperimento: scegli dalla mia lista di No Excuses Workouts 3 allenamenti che ti ispirano, e falli come ti ho suggerito per 4 settimane. Se non succede nulla hai ragione tu, ma temo che sarai felice di perdere questa scommessa!

 

5 – “Non mi alleno perchè …ho  un bimbo piccolo”

Come dico sempre, le scuse non sono altro che fatti reali a cui diamo un significato personale.

Nessuno può mettere in dubbio il fatto che la mamma e il papà di un bimbo piccolo abbiano una vita piuttosto intensa, un sacco di novità e di imprevisti a cui stare dietro.

Questo non significa però che non possano trovare quei famosi 20-30 minuti di cui parlavo sopra per ricavarsi uno spazio personale, eventualmente organizzando i turni con cui accudire il proprio piccolo.

Indubbiamente ci sarà una stanchezza fisica superiore e una motivazione più labile, perché le notti insonni, i mille dubbi della genitorialità e la fatica di riequilibrare la routine famigliare si fanno sentire.

Ma, proprio per queste ragioni, è necessario essere in forma, emotivamente e fisicamente.

Leggi questo articolo: parla anche di te e ti sarà di grande aiuto 🙂

Inserisci nella tua agenda 3 o 4 appuntamenti con la tua salute. Il tuo partner potrà darti supporto e creare a sua volta un calendario del benessere a cui essere fedele.

Visto?

Nessuno ha detto che è semplice, nessuno ha detto che queste scuse non nascono da situazioni reali, nessuno ha detto che si tratta di bugie.

Ma ragionando insieme abbiamo trovato tante alternative costruttive con cui uscire dallo stallo in cui ti trovi ed iniziare la tua strada verso il cambiamento, per allenarti con costanza ed efficacia.

Anche se non hai tempo, quel tempo lo puoi ricavare.

Esiste sempre il tempo per ciò che è fondamentale, importante, prezioso.

E la tua salute lo è, senza ombra di dubbio!

 

Se ti senti pronta/o per cambiare, e raggiungere l’equilibro psicofisico che da sempre ricerchi,
rivolgiti a chi ha già ottenuto risultati concreti,
sia su di sè che su tantissime altre persone.
Io posso aiutarti.
Contattami compilando il form qui sotto!
oppure scrivi a
giovannaventura@giovannaventura.com
PER TE SUL MIO BLOG:

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo subito! Nella sezione Allenamento, troverai altre informazioni con cui arricchire le tue conoscenze!

Se senti che è arrivato anche il momento per cambiare, nella sezione Motivazione potrai trovare altre letture interessanti 😉

Se vuoi iniziare a muoverti, anche senza una palestra o attrezzi a tua disposizione, dai un’occhiata alla sezioni No excuses workouts!

Infine, se vuoi idee per un’alimentazione ricca e appagante, che diventi parte di uno stile di vita sostenibile, dai un’occhiata a G(i)usto Con Gusto 😉

SEI MAMMA? GUARDA IL MIO SITO DEDICATO AL MONDO DELLA MATERNITA’, fitmominaction.com :

Fitmominaction è un programma di allenamento e crescita personale, è la tua chiave per diventare la donna e la mamma che vuoi essere.

CERCAMI SU FACEBOOK E INSTAGRAM:

 ‪#‎fitmom‬ ‪#‎fitmominaction‬ ‪#‎beyourbestforgettherest‬ ‪#‎trainwithbrain‬ #yesyoucan

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO SUBITO!