Ci sono persone che aspettano l’arrivo di questo periodo per poter affermare il loro – conscio o inconscio?- desiderio di “mollare gli ormeggi” rispetto ai programmi di allenamento, all’alimentazione controllata e allo stile di vita sano.

A fine novembre, già si fregano le mani e iniziano a dire: “Eh…tra poco arrivano le feste eh??? Si mangia! Peccato, stavo andando così bene con la dieta! E mi allenavo anche con regolarità! Vabbè dai, ci ripenserò dopo la Befana. Ah, del resto, come devo fare???”

Insomma, non è colpa loro, sono vittime della spirale universale che li trascina dentro al vortice dell’abbruttimento. Oppure NO!

Vediamo una per una le SCUSE più gettonate e le SOLUZIONI per abbatterle. Come dire: scegliete voi che strada volete prendere, il bivio esiste!

SCUSA N 1: CI SONO CONTINUI MOMENTI DI RITROVO E FESTEGGIAMENTO, E’ IMPOSSIBILE GESTIRLI!

SOLUZIONE: Si può gestire ogni situazione, basta avere delle linee guida sensate ed efficaci e soprattutto volerlo! A questo ho dedicato un post che potete leggere, o stampare e conservare in borsetta per i momenti di sconforto, “Come sopravvivere ai bagordi del Natale”

SCUSA N 2: SE VADO AI PRANZI E ALLE CENE DI FESTEGGIAMENTO DEVO MANGIARE TUTTO QUELLO CHE MI DANNO SENNO’ SONO ASOCIALE.

SOLUZIONE: Ricordate che in ogni gruppo voi potete scegliere se essere follower o leader. Potete decidere di uniformarvi alle aspettative che secondo voi gli altri hanno oppure essere voi a mostrare propositivamente un atteggiamento produttivo che gli altri apprezzeranno, eventualmente ammireranno e magari decideranno di seguire. Provate a dire: “Ragazzi sono felice di essere qui con voi per festeggiare! Siccome saremo tutti in contesti come questo ogni giorno, che ne dite assaggiamo tutto senza esagerare? Così non ci perdiamo nè il gusto nè la salute! Facciamo a metà di questa fetta di torta?”. Scoprirete che in tanti vi seguiranno, felici di aver sentito qualcuno dar voce ai loro pensieri nascosti.

SCUSA N 3: SE VADO AI PRANZI E ALLE CENE DI FESTEGGIAMENTO DEVO MANGIARE TUTTO QUELLO CHE MI DANNO SENNO’ CHI HA CUCINATO SI OFFENDE.

SOLUZIONE: Si offende chi viene offeso. Se il vostro modo di parlare e agire è un rifiuto sarete offensivi, ma se con gentilezza e gratitudine prendete mezza porzione o solo 3 delle 6 portate nessuno sarà offeso.

SCUSA N 4: NON HO PIU’ TEMPO PER ALLENARMI, SONO SEMPRE IN GIRO!

SOLUZIONE: Perfetto! Tra i giri inserite una sosta in palestra, o una corsa al parco, o una lezione collettiva. Sappiate dominare la vostra agenda! Nessuna agenda si auto compila, siete voi a scrivere cosa farete. Dopo una corsa di 30′ è ancora più bello assaporare una cena in compagnia.

SCUSA N 5: SE ANCHE MI ALLENO, NON HO TEMPO PER FAR TUTTO O PER SEGUIRE IL MIO PROGRAMMA, NON SERVE A NULLA!

SOLUZIONE: dalle mie parti – Bologna- si dice “Piuttosto è meglio di nulla!” . La saggezza popolare ci racconta che tra non fare niente e fare qualcosa, il qualcosa vince sempre. Se anche dovrete rompere il microciclo di allenamento o cambiare completamente i vostri programmi, il vostro corpo riceverà uno stimolo allenante e il vostro metabolismo vi sarà riconoscente. Non è importante il consumo calorico ma la consistenza con cui agite. Ricordate che il cervello fa la “sua” ginnastica: per lui consolidare un’abitudine vuol dire garantirvi un futuro in cui la fatica con cui compite azioni produttive sarà per voi sempre minore.

SCUSA N 6: ORMAI HO MANGIATO MALE A MEZZOGIORNO, MI SFONDO ANCHE IL POMERIGGIO E LA SERA POI DOMANI MI CONTENGO.

SOLUZIONE: stupidaggini! Ogni pasto è un evento a sè e voi avete il potere di rimettervi a mangiare con rispetto di voi stessi appena avete finito di mangiare “male”.  Stop. Fine. Basta. Passato! Non immaginate quale differenza incredibile può fare questo atteggiamento. Un pasto “super sgarro” e un giorno intero di cibo spazzatura sono due mondi differenti, sia per il vostro corpo che per la vostra mente.

SCUSA N 7: COSA VUOI CHE SIA SE PER UN MESE MANGIO MALE? PRENDERO’ QUALCHE CHILO, MA POI LI RIMETTO GIU’, IO SO COME FARE!

SOLUZIONE: vedi sopra. Moltiplicate per 31 giorni- se pensiamo a dicembre- un atteggiamento improduttivo. Non avete idea delle conseguenze. E soprattutto: no, voi non sapete come fare, perchè se lo sapeste non oscillereste come uno jo-jo tra pesi massimi e minimi con cui violentare il vostro organismo.

SCUSA N 8: COSA VUOI CHE SIA SE PER UN MESE MANGIO SENZA REGOLE E NON FACCIO NESSUNA ATTIVITA’? TANTO POI RIPRENDO, ORA MI RIPOSO PER UN POCHINO!

SOLUZIONE: è vero che in un mese di inattività non diventerete delle meduse. Ve lo concedo. Chi ha obiettivi atletici e non solo estetici sarà ovviamente più penalizzato, ma di solito non ci pensa nemmeno a interrompere. Per tutti quanti, in ogni caso, disabituare il vostro cervello all’attività significherà riprendere con grande fatica una routine comportamentale che con grande pazienza avevate acquisito. Rallentate, dimezzate, ma non smettete!

SCUSA N 9: SONO IN FERIE, PERCHE’ DOVREI STARE A DIETA E ALLENARMI? MERITO ANCHE IO UN POCHINO DI RELAX!

SOLUZIONE: le ferie o le vacanze sono l’occasione migliore possibile per amarsi. Amarsi passa, appunto, attraverso il rispetto del proprio corpo e la cura della propria crescita personale: mangiare male, essere sedentari e privi di obiettivi non sono sinonimo di relax, ma semmai di punizione. Appena questo vi sarà chiaro, sarà facile capire che strada prendere.

SCUSA N 10: SOTTO LE FESTE E’ ASSURDO INIZIARE UN PROGRAMMA DI RINNOVAMENTO, CI PENSO POI IL 7 GENNAIO! ADESSO NON POTREI SEGUIRLO!

SOLUZIONE: proprio se avete più tempo libero potete INIZIARE! Potete usare gli orari più flessibili per dedicarvi tempo, iniziare ad inserire allenamenti e momenti di cucina salutare che poi potrete mantenere quando il gorgo della routine lavorativa vi risucchierà. Imparate a veder le opportunità: ne siete circondati, ma dovete affinare lo sguardo!

 

Ecco fatto!
Adesso spetta a voi scegliere la strada che volete. Basta che sia chiaro: le scuse, come Babbo Natale e la Befana, non esistono, sono le vostre decisioni a determinare la vostra vita.

 

Se ti senti pronta/o per cambiare,
e raggiungere l’equilibro psicofisico 
che da sempre ricerchi,
rivolgiti a chi ha già ottenuto risultati concreti,
sia su di sè che su tantissime altre persone.
Io posso aiutarti.
Contattami compilando il form qui sotto!
oppure scrivi a
giovannaventura@giovannaventura.com
PER TE SUL MIO BLOG:

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo subito! Nella sezione Allenamento, troverai altre informazioni con cui arricchire le tue conoscenze!

Se senti che è arrivato anche il momento per cambiare, nella sezione Motivazione potrai trovare altre letture interessanti 😉

Se vuoi iniziare a muoverti, anche senza una palestra o attrezzi a tua disposizione, dai un’occhiata alla sezioni No excuses workouts!

Infine, se vuoi idee per un’alimentazione ricca e appagante, che diventi parte di uno stile di vita sostenibile, dai un’occhiata a G(i)usto Con Gusto 😉

SEI MAMMA? 
GUARDA IL MIO SITO DEDICATO AL MONDO DELLA MATERNITÀ, fitmominaction.com:

Fitmominaction è un programma di allenamento e crescita personale, è la tua chiave per diventare la donna e la mamma che vuoi essere.

CERCAMI SU FACEBOOK E INSTAGRAM:

 ‪#‎fitmom‬ ‪#‎fitmominaction‬ ‪#‎beyourbestforgettherest‬ ‪#‎trainwithbrain‬ #yesyoucan

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? CONDIVIDILO SUBITO!