Iniziare ad allenarsi

è una questione di inform-azioni

(tempo di lettura: 5 minuti)

Vorresti iniziare ad allenarti, ma ti sembra così difficile.
Vorresti dimagrire, ma ci hai già provato altre volte e non è andata bene.
Vorresti essere come le persone che ammiri, ma “per loro è più facile”.

Insomma, hai la testa piena di voci che ti raccontano che è meglio lasciar perdere. Ora ti dico una cosa che forse non hai valutato prima: queste convinzioni sono comuni a migliaia di persone e non per questo sono veritiere o corrette.

E’ sempre così e non solo per te. Lo è per tutti!
Tutto ciò che non conosci ti spaventa, anche se ti attrae. E tutto ciò che ti sembra difficile tale rimane finché non decidi di FARE.
Se vorresti INIZIARE ad allenarti significa che non conosci l’allenamento, che conosci i risultati che porta nella vita e nell’immagine di chi ammiri, ma non sai cosa vuol dire essere nel processo di ottenere quei risultati. Ecco cosa devi assolutamente sapere.

Giovanna Ventura curl bicipiti un braccio

Iniziare ad allenarsi diventa facile grazie alle tue azioni!

1 – Qualità è molto meglio di quantità

La convinzione comune più condivisa da chi non si allena ancora è quella per cui “o ti alleni tutti i giorni o non otterrai nulla”, che va a braccetto con “se non ti alleni 2 ore allora non ti alleni”.

Verità

Per iniziare ad allenarsi servono una frequenza (quante volte in una settimana) ed un volume (quanto dura tempo ogni allenamento) potenzialmente minimi. Vuol dire che, per chi proviene dal divano o dalla sedia, il cambiamento sensibile è dato da 2-3 sessioni a settimana di 20-40 minuti. Il cervello e il corpo percepiscono la differenza e si adattano con profitto.

2 – NON serve che tu vada in palestra

Rileggi sopra: NON serve una palestra! Se hai usato questo pensiero come scusa per non iniziarti ad allenare, è tempo di farlo sparire insieme alle potenziali altre scuse.

Verità

Per iniziare – ma pure per continuare!!! – ad allenarsi, servono 3 cose essenziali:

  1. il tuo corpo
  2. pochi attrezzi
  3. un metodo efficace

Chiunque può ricavare una palestra pronta per l’uso in un metro quadro, in cucina, in camera da letto, nel garage, in un parco, in un parcheggio. Ci sono decine di workout che usano un semplice elastico e dai quali puoi trarre conferme, come ad esempio questo.

3 – Le scorciatoie NON esistono

Attenzione ai momenti in cui sei particolarmente pessimista. In uno di quei momenti ti potrebbe capitare l’annuncio pubbliciatario delle pillole miracolose che fanno sbucare gli addominali a griglia senza allenamento, oppure la promozione di un workout magico che in 15 gg ti fa perdere 10 kg. Ecco, in quei momenti la tua fragilità è oggetto di truffa, tu rischi di spendere soldi che rimpiangerai e di alimentare la convinzione che “si può trovare anche una scorciatoia”.

Verità

Mi dispiace, farebbe comodo anche a me, ma non si può, non c’è nessuna scorciatoia possibile e ti stanno letteralmente rubando denaro. Cerca persone serie che ti parlano dell’impegno, della costanza e del metodo necessari per cambiare, quelli saranno  input utili per iniziare ad allenarti e per non smettere mai più.

4 – Ti serve un metodo adatto a chi deve iniziare

Guarda, nessuno meglio di me sa come sarebbe bello “iniziare dalla cima”: potersi sentire, fin dal primo allenamento, come Nikita e Rocky Balboa mentre, tutti sudati e muscolosi, sollevano tonnellate, volteggiano nell’aria e finiscono il workout vittoriosi. E invece, le cose vanno diversamente…

Verità

Se sei un principiante, parti da una condizione di base. Magari un tempo ti allenavi, ma se sono passati anni e credi di poter ripartire da dove ti trovavi, sbagli di grosso. Hai dei vantaggi su chi non si è mai mosso, ma condividete una condizione fisica da non sportivi. Il metodo che fa per voi  deve prendere in considerazione cose molto importanti:

  1. deve stimolarvi ma solo quel tanto che basta per darvi obiettivi raggiungibili;
  2. deve tener conto del fatto che avete una vita, e non potete trasformare l’allenamento in una missione;
  3. deve avere delle solide basi scientifiche e ruotare intorno a cosa serve a voi: nessun corpo è uguale a un altro, e la tua forma racconta tanto sul tuo sistema ormonale, sulle tue abitudini e su ciò che ti serve per iniziare.

 

5 – Devi creare nuove abitudini

Molte persone pensano che “finita la dieta, si può tornare a mangiare come prima”. Oppure che, “finito il percorso x y di allenamento, si può tornare a camminare e basta”.

Verità

Mai e poi mai ciò che ti porta da A a B può essere accantonato e soppresso. Il modo in cui hai costruito un risultato deve essere soprattutto diventato un nuovo stile di vita. Devi aver sostituito azioni non utili al ripetersi di azioni utili. Ogni azione che compi è per il tuo cervello una conferma delle tue capacità. Maggiori sono le conferme che riceve, maggiore sarà la tua autostima e la tua percezione che, quella cosa, “da difficile diventi facile”. Quante più saranno le volte in cui hai fatto un allenamento e registrato il successo di tener fede a un proposito, tanto più diventerà facile ripetere quell’azione e renderla abitudine.

Come vedi, iniziare ad allenarsi è difficile solo se non lo fai. Fai ciò che prima di leggere questo articolo ti sembrava sembra difficile: vai a scoprire quanto facile puoi renderlo.

 

Se vuoi smettere di inseguire il tuo benessere e raggiungere l’equilibro psicofisico che da sempre ricerchi,
contattami compilando il form qui sotto!
oppure scrivi a
giovannaventura@giovannaventura.com

 

PER TE SUL MIO BLOG TANTE SEZIONI UTILI

Allenamento

Motivazione 

No excuses workouts

SE SEI MAMMA,  GUARDA IL MIO SITO DEDICATO AL MONDO DELLA MATERNITÀ!

Fitmominaction.com  è la tua risorsa per diventare la donna e la mamma che vuoi essere.

SEGUIMI SU FACEBOOK

Metti like alla mia pagina Be Your Best 

Iscriviti al mio gruppo Be Your Best Community – BYB Com.

SEGUIMI SU  INSTAGRAM

@giovanna.beyourbest